Altitudine 985 metri s.l.m.
Lat. 45°52'52"32 - Long. 09°41'52"08
Municipio: Tel. 0345.49413
Misure: superficie 19,59
Val Brembana, 35 km da Bergamo

Eventi e manifestazioni a Dossena Pag.1

Coppa Orobica di Trial a Paglio di Dossena - 2017
In un clima tipicamente autunnale si e' svolta la penultima edizione della Coppa Orobica di Trial a Dossena. I concorrenti si sono sfidati in 6 settori sugli scarti delle ex miniere di Paglio. Il TZ nasce nel 2009 da un gruppo di appassionati trialisti in alta val Brembana, inizialmente per fare "gruppo" alle cavalcate, è composto sia da motoalpinisti che da piloti. Nel 2012 dopo la prematura scomparsa di Diego Bosis si è deciso di fare una festa del trial per commemorarlo nel migliore dei modi appoggiandosi al mc.Bergamo. Oggi possiamo contare su ben 170 soci simpatizzanti , 45 tesserati fmi e 21 licenziati. Gli obiettivi comuni sono promuovere la pratica del trial in tutte le sue accezioni : sia come sport organizzando gare, allenamenti sociali, indoor e corsi........

30° Anniversario sezione del Fante a Dossena - 2017
L’alzabandiera delle 9,40 poi il corteo dalla cappelletta della S. Trinità fino al Monumento dei Caduti per deporre una corona d’alloro, ascoltare i saluti delle autorità e premiare i soci: una medaglia d’argento ai 25 fanti ottantacinquenni e una medaglia a coloro che hanno raggiunto i 90 anni. Sono Osvaldo Arrigoni di Vedeseta, Luigi Scaburri di Palosco e Francesco Lamera di Romano di Lombardia. Alle 11 la Messa nella parrocchiale con la benedizione della bandiera della nuova sezione dei fanti di Morengo seguita da un pranzo al ristorante Miramonti. Il raduno si inserisce nel 30° di fondazione della sezione dei fanti di Dossena.......

Ol Madunu' di Dossena: Spettacolo pirotecnico e la Processione - 2017
E’ stata ancora una volta larga e sentita la partecipazione alla Festa del Madunù di Dossena, una tradizione religiosa che affonda le sue origini nei secoli passati quando la montagna bergamasca e Dossena erano colpite da calamità naturali, da carestie ed epidemie, ed appunto si invocava la “Mater dolorosa” per averne protezione, una celebrazione che si è ripetuta nei secoli e fino ai nostri giorni sempre con ampio concorso di fedeli. E’ stato così anche venerdì scorso precedente il Venerdì di Passione, secondo tradizione. L’evento è stato preparato con una novena che si è conclusa giovedì giorno della vigilia della festa con una messa ed in serata con uno spettacolo pirotecnico ammirato fin sul fondovalle. Tutto secondo tradizione come il giorno della festa di venerdì quando la comunità locale sospende ogni altra attività per dedicarsi al momento religioso, con la celebrazione nella mattinata di due messe basse e quindi della messa solenne concelebrata dai sacerdoti nativi di Dossena o che negli anni vi hanno svolto servizio pastorale. Momento culminante della festa al pomeriggio quando si è svolta la solenne processione. In chiesa sono stati cantati i Vespri e quindi si è formato il corteo che ha percorso il centro dell’antico borgo. Avanti tre confratelli con la croce e le lanterne, quindi i fedeli, la Baanda musicale locale, i chierichetti, i sacerdoti e tra loro l’arciprete don Sergio Carrara ed il vicario vescovile mons. Davide Pelucchi con la reliquia della Madonna.........

Ol Carneal Tradissiunal, la Mascherada e'n Cuntrada
Dopo Nadal tocc i dé i è dè carneal…infatti a Dossena come tradizione ci si prepara per l’evento “la mascherada en cuntrada”. A Dossena tradizionalmente, il carnevale porta nelle nostre contrade quello che succede durante l’anno, sia in paese che in Italia. Una specie di copione che con maestria viene recitato sulle aie delle contrade. Il gruppo del carnevale rigorosamente composto da soli uomini,per la precisione da sette uomini, giovani e meno giovani, e dai suonatori dà il via ad un carnevale direi unico nel suo genere, rimasto ancora integro: si recita per circa un’ora, in maschera, portando fatti di attualità con l’ironia del carnevale. (come del resto facevano quelli che ce l’hanno tramandato). Per 3 sere consecutive si fa festa in 6 contrade: due recite per sera. Si parte verso le 20.00 a cà del Piero e Liliana, si arriva in contrada verso le 20.30, poi si inizia con il primo che va in scena, l’om del Bosc, che racconta quello che ha sentito durante l’anno stando sul monte ad ascoltare e criticando sia il bene che le malefatte. Poi entra in scena l’Arlechì (specie di Arlecchino), che annuncia l’arrivo delle maschere tra salti e risate, scandisce il titolo della mascherata. Quest’anno si intitola “”la sarésa so la turta”. A questo punto arrivano il minatore con il lume, al seguito i suonatori con strumenti della tradizione bergamasca: baghet, organet, fisarmonica, bombardino, …etc (chi più ne ha più ne metta)......

Fiera Zootecnica razza bruna alpina di Dossena
E’ Ziera dell’Azienda Gamba Ovidio la regina della mostra zootecnica andata in onda sabato 1° ottobre a Dossena centro di eccellenza della zootecnia della montagna bergamasca, una delle migliori edezioni di questo evento che è sempre di forte richiamo per il mondo degli allevatori e per i visitatori. Nonostante le previsioni meteo non particolarmente favorevoli di primo mattino, la manifestazione organizzata dalla neo costituita Associazione agricoltori di Dossena ha riscosso ampio successo che si è concretizzato sia nella presenza di visitatori, sia soprattutto per il numero delle aziende partecipanti –una ventina con realtà di San Pellegrino terme insieme a quelle dossenesi- e dei capi –duecento- valutati di buono ed alto livello qualitativo. E da sottolineare ancora un altro fattore che ha dato valore aggiunto all’evento: si vuol dire dell’equilibrio dei valori in campo, livellati verso l’alto. In altre parole:si è notata omogeneità che si è evidenziata nell’attribuzione dei primi posti di categoria: massimo di tre per una azienda e poi di due per altre due ed infine un per altre aziende. Insomma è quanto si vorrebbe sempre vedere a riprova che il patrimonio bovino di un comprensorio sta migliorando appunto omogeneamente.....

Dossena... Folklore e Sapori
Dossena anche quest’anno apre le porte all’appuntamento con la tradizione, un percorso di 5 chilometri e 13 tappe degustando tipicità. Rivivono le antiche storie dei lavoratori e i vecchi mestieri artigiani attraverso un magico incontro tra le bellezze naturalistiche del paesaggio e le tipicità dell’enogastronomia locale. Si chiama «Dossena... folclore e sapori», l’evento che, giunto alla sua seconda edizione, vede lo svolgersi di un tour enogastronomico-folcloristico alla scoperta delle molteplici specificità che il paese conserva intatte........

Presentazione del libro e della Mostra su Filippo Alcaini nel 30° Anniversario della morte
In occasione del trentesimo anniversario della morte di Filippo Alcaini (1946-1986), il Comune di Dossena ha predisposto progetto “Filippo Alcaini, il sogno continua” dedicato al pittore dossenese, riconosciuto come l’interprete più intenso dell’identità forte, ancestrale e millenaria di quello speciale microcosmo storico, culturale e antropologico che è Dossena. Il primo atto del progetto è stata la presentazione del volume e della mostra aventi per titolo “ALCAINI. L’ENIGMA DELLA MASCHERA”. Il volume, edito da Grafica & Arte e promosso dal Comune di Dossena e dal Centro Storico Culturale Valle Brembana “Felice Riceputi”, ripercorre attraverso i saggi di Fernando Noris, Antonio Tarenghi, Francesco Coter, Tarcisio Bottani e un ricco apparato di immagini, l’itinerario di Alcaini tra arte e vita, con un’appendice dedicata alla sua Dossena. In parallelo, la mostra curata da Antonio Tarenghi e allestita all’ex Biblioteca di Dossena, propone una vera e propria immersione nell’universo visionario e narrativo dei dipinti di Alcaini. La serata di presentazione di volume e mostra, coordinata dal prof. Gabrio Vitali, è stata gratificata da una straordinaria partecipazione di persone che non hanno dimenticato il grande artista dossenese; apprezzata la presenza di tanti giovani, desiderosi di approfondire la conoscenza di Alcaini e del suo messaggio.......

Spettacolo pirotecnico del Madunu' di Dossena 2016
La comunità parrocchiale di Dossena celebra la festa del Madunù, una tradizione religiosa cui partecipano fedeli provenienti da tutta la Valle Brembana. L’evento affonda le origini nella metà del 1800 quando arrivò a Dossena il gruppo ligneo della Vergine Addolorata con il Cristo morto in grembo, di grandezza naturale: una scultura di grandi dimensioni che motivò appunto la definizione di «Madunù». Il gruppo scultoreo, il giorno della festa, viene portato in processione per le vie del borgo......

Inaugurazione nuovo Crossodromo di Paglio
Il crossodromo si trova su un’area di circa 35 mila metri quadrati ed è di proprietà di un imprenditore di Clusone che l’ha data in comodato d’uso gratuito al Moto Club Brembana per campo scuola, allenamento e gare. Un circuito di un chilometro e cento metri messo in sicurezza, allargato e attrezzato a campo scuola e allenamento che e' stato inaugurato sabato 11 in località Paglio di Dossena, circuito ricavato nelle ex cave di fluorite e già utilizzato da una ventina d’anni dagli appassionati di enduro. All'inaugur5azione e taglio del nastro presenti molti autorità: Assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia, Assessore Alessandro Sorte; Jonathan Lobati consigliere Provinciale; Giovanni Fattori assessore al Turismo Comunità Montana Valle Brembana; il sindaco di Dossena Fabio Bonzi; il vicesindaco di San Giovanni Bianco Amelio Sonzogni e ass. Veronesi; il rappresentante del CAI Alta Val Brembana Decio Galbiati e alcuni rappresentanti del Moto Club Bergamo e Federazione Nazionale......

Ol Carneal Tradissiunal e'n Cuntrada de Dosena - 2015
Per 3 sere consecutive si fa festa in 6 contrade: due recite per sera. Si parte verso le 20.00 a cà del Piero e Liliana, si arriva in contrada verso le 20.30, poi si inizia con il primo che va in scena, l’om del Bosc, che racconta quello che ha sentito durante l’anno stando sul monte ad ascoltare e criticando sia il bene che le malefatte. Poi entra in scena l’Arlechì (specie di Arlecchino), che annuncia l’arrivo delle maschere tra salti e risate, scandisce il titolo della mascherata. Quest’anno si intitola “”la sarésa so la turta”. A questo punto arrivano il minatore con il lume, al seguito i suonatori con strumenti della tradizione bergamasca: baghet, organet, fisarmonica, bombardino...


Manifestazioni a Dosssena - PAGINA 2 --->>