Home Page di ValtortaFrazioni di ValtortaCenni Storici di ValtortaManifestazioni e Eventi a ValtortaNumeri Utili di Valtorta
Carattere medio Carattere grande


 
Alberghi Rifugi Ristoranti Pizzerie a Valtorta
News Valtorta Le News di Valtorta
articoli e news di Valtorta dai giornali locali
Itinerari trekking escursioni a Valtorta Trekking escursioni a Valtorta
Reportages montagna, tragitti, itinerari, escursioni sui sentieri di Valtorta
Sci-Alpinismo a Valtorta Sci-Alpinismo a Valtorta
Reportages Alpi Orobie in scialpinistica a Valtorta e dintorni
Valtorta
Libri su Valtorta Bibliografia Valtorta
Bibliografia realizzata dal Centro Studi Francesco Cleri e dal Centro Storico Culturale Valle Brembana
Storie Antiche popolari di Valtorta Storie Antiche popolari di Valtorta
Il dannato di Valtorta e altri impenitenti della stessa specie..
Stazione sciistica Valtorta Piani di Bobbio Stazione Valtorta Piani di Bobbio
Valtorta, Stazione sciistica di recente costruzione. Il collegamento con Piani di Bobbio la rende all'altezza dei tempi moderni. Le piste sono di media difficolta' ideali per i principianti..
Anello di sci nordico a Valtorta Ceresola Sci nordico Valtorta Ceserola
Il Centro Fondo “Tre Signori”, si trova in loc. Ceresola in Comune di Valtorta ad una quota di 1360 m s.l.m. ai piedi della montagna più alta della catena delle prealpi orobie orientali: il Pizzo dei Tre Signori, la cui vetta raggiunge quota mt. 2554. L’intero tracciato, si sviluppa all’interno del Parco delle Orobie Bergamasche...
Il Museo Etnografico ha sede nel palazzo dell'ex Pretura Veneta di Valtorta e l'esposizione si articola su tre piani. L'ordinamento del Museo prevede sezioni dedicate all'agricoltura, alla lavorazione del latte, a numerose attivita' artigianali.
Le Santelle che presentiamo questa volta sono tutte in territorio di Valtorta. Vennero edificate tra la fine del ''700 e l'800. Le Santelle della zona (che in dialetto dell'alta valle sono chiamate "girgiöl"), contengono dipinti di soggetto religioso, commissionati dalla gente locale come segno di devozione o "grazia ricevuta".
Valtorta Provincia di Bergamo
Itinerario al Rifugio Grassi Itinerario al Rifugio Grassi
Il Rifugio Alberto Grassi è situato a breve distanza del Passo del Camisolo, all'inizio della lunga cresta ovest del Pizzo dei Tre Signori.
Indice escursioni a Valtorta - Escursioni trekking sentieri percorsi itinerari - Reportages dal Forum della Valle Brembana (PAGINA 1)

Ogni anno nei primi giorni di Aprile lo spettacolo si ripete, alcune immagini di questi giorni dal pascolo di Pigolota e dalla Val d'Inferno.....


In pieno inverno ciaspolando nella notte nel bel borgo di Valtorta e la Torre, a mezzanotte quasi 30 cm il manto nevoso nel microclima dei 900 m s.l.m. dell'alta Val Stabina!! Alcune immagini della nottata magica sotto intensa nevicata!!!......


Classica escursione al Rifugio Grassi da Ceresola, nell'angolo più occidentale delle Orobie bergamasche: il Tre Signori domina incontrastato le rotonde cime che dirimpetto il rifugio si alzano a formare una lunga dorsale molto panoramica, Zuc di Valbona e Zuc di Cam offrono panorami molto belli che purtroppo in questa occasione una fastidiosa nuvolaglia ha provveduto a castigare oltre le aspettative. Escursione che ho compiuto diverse volte ma che si rivela sempre molto bella, arricchita poi da questo itinerario di ritorno alternativo decisamente appagante, soprattutto per le inconsuete vedute sul Tre Signori.......


Sono lì nell'orto a metà mattina con la vanga in mano e mi guardo attorno: ma che ci faccio a casa..??!! Concludo velocemente i lavori programmati, la giornata è troppo bella..!! Arrivo a Ceresola poco dopo mezzogiorno, mi è saltata in mente la pazzia di salire allo Zuccone dei Campelli percorrendo la Ferrata Minonzio, mai tentata in precedenza. Il percorso inizia dietro il bacino dell'acquedotto posto in cima ai Piani di Bobbio, il primo tratto è un normalissimo sentierino che offre una bellissima visuale sui Piani poi il gioco si fa più serio: il tracciato è adatto solo ad escursionisti esperti, cenge erbose a volte strettissime e canali attrezzati portano fino ad un intaglio posto alla testata del Vallone dei Camosci e fin lì la ferrata può essere considerata una spettacolare via alternativa per salire allo Zucco Barbesino, che si raggiunge senza troppi problemi girando a sinistra.............


Giovedì complice le previsioni che danno bel tempo ho optato per un giorno di ferie. L'idea di salire in Val d'Ancogno è un pò che mi frulla per la testa e finalmente è arrivata l'occasione giusta. Arrivo a Valtorta verso le 7.30, parcheggio subito dopo il ponticello che si incontra passando la galleria e mi inoltro sulla strada sterrata, dopo qualche centinaio di metri poco prima di un bel prato sulla Dx un cartello in legno indica il sentiero. Il percorso percorre la stretta valle restando sempre vicino al torrente, l'ambiente è decisamente suggestivo e il suono delle acque mi tiene compagnia e fra la vegetazione si scorgono incantevoli pozze (marmitte) e cascatelle. Dopo circa 1.30/ 2 ore di cammino si sbuca in un meraviglioso anfiteatro roccioso, mi fermo a contemplare la bellezza di questo posto, fino a risalire sotto le rocce dove si può ammirare in questo periodo la Primula albenensis in tutto il suo splendore..........


Parto da Ceresola seguendo la strada per i Piani di Bobbio per poi abbandonarla e prendere il sentiero che passando a mezza costa nel bosco mi porta al passo di Gandazzo e da li con vari su e giù tocco in successione il Passo del Toro Zucco del Corvo, Cima del Corvo, Monte Foppabona, Bocchetta Foppabona, Zucco di Cam, Bocchetta di Valbona, Zuc di Valbona. Bel percorso con tre togli e metti di ciaspole, il passaggio delicato al Passo del Toro è agevolato dalle catene ancora scoperte......


Causa impegni riesco a partire solo alle 10 da Valtorta passo da Costa e poi seguo il sentiero 104 sino a quando mi appare in lontananza il rif. Grassi, qui abbandono il sentiero e pigando a dx per pratoni raggiungo il sentiero 101 , passo per il pian delle Parole per poi puntare alla vetta seguendo il sentiero 45 del Caminetto. Poca neve in giro tanto che metto i ramponi solo poco prima del caminetto. Qui saluto l'ecursionista di Ponte S. Pietro che mi ha fatto compagnia sin qui e proseguo picca in mano la salita è facilitata dal fatto che le catene per lo più sono scoperte. Ritorno rimanendo affacciato sulla Val Biandinopassando dalla Cima di Camisolo edal Rif. Grassi.......


Una delle poche volte che esco da solo...son partito apposta con l'intento di fare i colori d'autunno andando perciò in Valtorta suprattutto a Ceresola, dove ho fatto passare le baite "chiuse" e quelle ancora abitate, una splendita giornata non ancora fredda..........


Giornata spettacolare oggi ai Piani di Bobbio. Prima che la stagione arrampicatoria giunga al termine, abbiamo sfruttato una bellissima giornata di sole caldo per inanellare due salite sulle pareti sud dello Zucco Barbisino. La prima salita, via Gelida Pipata, parte da poco sopra l'arrivo della seggiovia e termina sull'ampia cengia erbosa che taglia in due le pareti. Usciti dalla via abbiamo seguito la traccia di sentiero attrezzato che punta in direzione dello Zuccone Campelli e, attraversato il primo canale, ci siamo portati alla base della Torre Conica, stupendo monolite che si erge maestoso ai margini del vallone.........


Le previsioni meteo non promettono nulla di buono, giusto qualche ora asciutta al mattino, poi arriverà la pioggia. Raggiungiamo la località Ceresola di Valtorta con l'intenzione di salire ai Piani di Bobbio per un giretto veloce. Una inattesa schiarita ci porta invece al Passo del Toro e da qui, tra le nuvole che hanno ripreso il sopravvento, raggiungiamo il Rifugio Grassi. Alcune immagini della giornata.........


La coppia Pio & valanga partiti da Ceresola di Valtorta diretti sullo Zucco di Pesciola dalla via normale. Salendo tra le nebbie nel vallone dei Camosci e successivamente il canalino di destra (Canale della Madonnina) sino alla Bocchetta e subito in vetta dove e' posta una Madonnina in bronzo. Giornata prima nuvolosa poi con ampie schiarite, vento teso e freddo da nord, tramonto particolare tra sole e nebbia, dove godiamo in una vista spettacolare sui Piani di Bobbio e le montagne circostanti con veloci strati nebbiosi che scorrono sotto di noi.........


Oggi ho a disposizione solo mezza giornata decido allora per un giro intorno allo Zuccone dei Campelli. Parto da Ceresola e seguendo prima la strada e poi le piste di sci raggiungo il Rif. Lecco. Ora seguendo il sentiero degli stradini passo per la bocchetta di Pesciola, la Casera Campelli, arrivato in prossimità del Rif. Cazzanoga piego a sinistra per portarmi in vetta alla cima di Piazzo seguo la cresta per vedere se è possibile collegarsi alla Cornetta ma non è fattibile torno allora sui miei passi per poi scendere sul lato ovest per poi rimanere sul fianco della Cornetta su ripidi pendii erbosi sino in vetta. Ora scendo e vado a prendere il sentiero 101 che seguo sino alla Bocchetta dei Mughi e da li sino al Corno Grande. Invece di tornare alla boc. dei Mughi proseguo lungo la cresta ovest sino a riprendere il sottostante sentiero 101, lo seguo per un pò ma poi lo abbandono per piegare a dx e viaggiando a vista vado a prendere le piste di sci che mi riportano a Ceresola.........


Decido di portare la mia signora a cimentarsi sulla ferrata Pesciola, dopo avere già testato le sue abilità sulla ferrata Minonzio allo Zuccone dei Campelli (sicuramente più facile). Ferrata molto bella, abbastanza lunga e impegnativa, visto che si incontrano passaggi di 3°/4° grado, da affrontare solo con l'adeguata attrezzatura e preparazione. Partiamo verso le 8 da Valtorta-Ceresola in direzione del rifugio Lecco, approfittando di una delle tante giornate super estive che il mese di agosto ci ha regalato. Una volta raggiunto il rif. Lecco ci si incammina per il Sentiero degli Stradini verso i Piani di Artavaggio, fino ad incontrare il canalino che dopo pochi metri porta all'attacco della ferrata........


Dopo aver affrontato questo percorso con Poss a dicembre, si ripropone la stessa opportunità 4 mesi dopo con 4 amici e l'innevamento nettamente migliore...al 25 aprile . Partenza da Ceresola dove troviamo la strada ottimamente pulita salendo da Valtorta ed il parcheggio quasi del tutto libero dalla neve. Al mattino la temperatura è abbastanza fredda ed il fondo stradale che sale ai Piani presenta lastroni di ghiaccio, mentre nel pomeriggio a causa del "lavoro" del sole la neve diventa molto più pesante (il sole di fine aprile ha la stessa "potenza" di quello di fine agosto...). Condizioni climatiche: cielo sereno al mattino e temporaneo sviluppo di nubi cumuliformi nel pomeriggio con breve rovescio di neve tonda; ora spazio alle immagini.........


La bella Pigolota.... questo angolo bellissimo sulle alture di Valtorta dove stalle e baite (alcune ristrutturate) hanno conservato l'antica struttura in sassi. In questo periodo sui pascoli alti di Pigolota (1500 m) e' un "tappeto" fiorito di crocus.. un giardino naturale e spettacolare sulle Alpi Orobie... alcune immagini di questi giorni.......


Non finisce di stupire... quest'inverno 2011/ 2012, un Dicembre e Gennaio con temperature oltre la media del periodo e assenza di precipitazioni nevose, un febbraio con il gelo siberiano e ora questo inizio marzo secco con temp. da piena primavera.... e le stazioni sciistiche soffrono, Piazzatorre e Carona chiusi, Foppolo e San Simone sono al limite!! e Valtorta??? a Valtorta Ceresola calano gli sciatori e spuntano i crocus!! .......


Dalla frazione Costa di Valtorta imbocchiamo il sentiero 104 che conduce al rifugio Grassi, indicato, direttamente sulla pavimentazione in cemento, da una vistosa scritta bianca con freccia. Il sentiero si inoltra in un bel bosco di noccioli e faggi, in breve si giunge a due ponticelli consecutivi che passano un torrentello, si prosegue e il sentiero inizia a salire, il fondo conserva qui l’ antica lastricatura in sasso. Passiamo al bordo di un piccolo prato con cascina superiamo alcuni stretti tornanti e raggiungiamo un primo bivio, qui svoltiamo a destra......


Stamattina di buon'ora (ore 9... ) io e Poss ci troviamo per la prima escursione "nevosa" dell'inverno 2011/2012 e partiamo alla volta di Valtorta. A Cassiglio prime tracce nevose congelate e brina abbondante a causa delle basse temperature ed in paese a Valtorta circa 5cm di neve su ogni superficie che diventano 10cm in Ceresola. Partiamo alla volta dei Piani di Bobbio con un timido nevischio sulle vette che ogni tanto porta qualche fiocco fino a noi, giornata sostanzialmente nuvolosa anche se nel pomeriggio uscirà il sole; in cima circa 20/25cm di neve e cannoni in azione su tutte le piste (compresa la 3 Signori).....


E dopo l'Alba allo Zuccone Campelli di quest'estate con il "foia2" ecco il tramonto di fine novembre con il Gaetano sempre dalla vetta del Campelli a quota 2150 m s.l.m.. Partenza da Valtorta Ceresola alle 13.00, salita dal Vallone dei Camosci innevato nel suo ultimo tratto ma percorribile senza particolari problemi con arrivo alla croce dello Zuccone verso le 15,30....


Non è tanto l'escursione poco impegnativa che voglio proporvi... ma il panorama visto dallo Zucco Orscellera, ma lasciamo spazio alle immagini, ecco la partenza dai piani di Ceresola.... un brillante Tre Signori...


Solita escursione pomeridiana... tra poco dovrò accorciarle perchè ormai con il ritorno all'ora solare viene buio alle 17. 30, meta di oggi il rifugio Grassi dai Piani di Ceresola, prima di arrivarci mi fermo a Valtorta per ammirare il bellissimo paesaggio autunnale...