Home Page di SerinaFrazioni di SerinaCenni Storici di SerinaManifestazioni e Eventi a SerinaNumeri Utili di Serina
Carattere medio Carattere grande


 
News Serina Le News di Serina
articoli e news di Serina dai giornali locali
Itinerari trekking escursioni a Serina Trekking escursioni a Serina
Reportages montagna, tragitti, itinerari, escursioni sui sentieri di Serina
Libri su Serina Bibliografia Serina
Bibliografia realizzata dal Centro Studi Francesco Cleri e dal Centro Storico Culturale Valle Brembana
Gruppo Tradizionale Serina Gruppo Tradizionale
della Valle Serina con costumi tipici...
Arte nelle Chiese di Serina Itinerari Storico - Artistici di Serina
Chiesa di San Rocco (in Contrada "Bosco", sorta nel secolo XV°). Questa chiesetta, a pianta rettangolare con abside quadrata ha subito rifacimenti nel corso dei secoli...
Storie Antiche popolari di Serina Storie Antiche popolari di Serina
Anche se ai nostri giorni ci pensa la televisione a riempire le serate di racconti sempre pių avvincenti e intriganti, non per questo č venuta meno la predisposizione della gente comune...
Itinerario al Monte Alben Escursione al Monte Alben
Grande scogliera dolomitica a forma di ferro di cavallo, il Monte Alben si eleva sulle vaste praterie che lo fasciano ad occidente..
La Valle Serina La Valle Serina
offre un ben strano biglietto da visita al suo Visitatore un "orrido" come si usa dire in queste conformazioni ambientali: pareti rocciose e buie stilanti di acque che nei mesi freddi danno origine a lucenti stallattiti iridescenti ai raggi del sole, strapiombanti nel terreno che scorre a volte chiaccherino a volte turbolento giu' nel fondo Valle...
Biblioteca Comunale di Serina Biblioteca Comunale di Serina
Orari, Staff, Servizi e regolamenti, Periodici, Cenni storici, Eventi..
Ufficio Postale di Serina Ufficio Postale
Orari e Servizi disponibili nell'Ufficio PT di Serina.
Itinerari Storico-Artistici di Serina

Chiesa di San Rocco (in Contrada "Bosco", sorta nel secolo XV°)
Questa chiesetta, a pianta rettangolare con abside quadrata ha subito rifacimenti nel corso dei secoli. Oltre all'altar maggiore, ha due piccoli altari laterali disposti come l'altar maggiore cioe' rivolti verso sera, sormontanti da due baldacchini retti dal muro e da snelle colonne in pietra. Il portale d'ingresso della Chiesa, in pietra locale, e' a sesto acuto, l'interno e' diviso in due campate con pilastri porgenti all'interno, sormontati da un arco a sesto acuto su cui appoggiano le travi del tetto con l'armatura in vista. All'esterno, sul lato di mezzogiorno, esiste un portichetto in corrispondenza alla porta laterale; archetti in muratura intonacata reggono il tetto di copertura. Dipinti: all'altar maggiore splendida tela di Palma il Giovane (1544-1628) "San Francesco San Rocco e San Sebastiano, in alto la Madonna in Gloria". E' opera giovanile con evidenti richiami tizianeschi, (Palma il Giovane fu discepolo di Tiziano). Questa tela fu restaurata nel 1938 da A. Cividini. Nel presbiterio, sopra la porta che immette nel campanile, pende la tavola "Cristo sul sepolcro" fu restaurata a cura dell'Amministrazione Provinciale, da Alessandro Allegretti dello studio di Mauro Pelliccioli nel 1959. L'altare, a sinistra di chi entra, in marmo intarsiato di pregevole fattura, racchiude un affresco rappresentante la Madonna del Monte Carmelo, immagine dolcissima, ripetuta anche sul pilastro che si trova davanti all'altare. L'altro altare e' in legno ed ha una piccola pala coi Santi Gottardo, San Giacomo maggiore e Sant'Alberto Carmelita. E' una tela discreta di ignoto autore.


Il monastero della S.S. Trinità (1643-1675)
E' un ampia e bella costruzione del settecento di cui un benefattore Serinese, Giov. Pietro Tiraboschi Bombello, volle dotare Serina e destinarla alle monache Domenicane di clausura. All'interno ci sono due bei chiostri con portici. La chiesa, dedicata alla S.S. Trinità come il Monastero, e' a croce latina; la navata, fino al transetto, e' bassa perchè nella parte superiore e' stato ricavato un coro, ad un altro coro si eccede da due porte ai lati dell'altare maggiore. Dagli ampi finestroni sotto la cupola sono illuminati l'Altar maggiore e due cappelle laterali, una dedicata alla Madonna del Rosario, l'altra a San Carlo Borromeo, patrono della Contrada Maurizio dove sorge il Monastero. La chiesa e' ornata di stucchi eseguiti in tempi diversi; quelli che coprono i sottarchi, rappresentano i fiori piu' umili dei prati: le margherite; in esse l'artista volle forse simboleggiare le umili fanciulle di Serina e della Valle per le quali il generoso benefattore costruì e doto' il Monastero ed affermare che dalle preghiere e dai sacrifici delle Vergini consacrate a Dio e' sostenuta la Chiesa.
Dipinti: All'altar maggiore: "La S.S. Trinità" tela di Palma il Giovane (1544-1628). L'Eterno Padre, in alto, maestoso e severo, presenta, confitto sulla Croce il Cristo  sulla cui testa si libra la Colomba luminosa, simbolo dello Spirito Santo. Il centro del quadro e' occupato dal Cristo, figura tragica le cui forme risaltano ancor piu' sul fondo tenebroso, rotto da due testine di angeli che baciano i piedi di Gesu' ed altri due angeli, ai lati del Crocefisso, uno che si copre il volto inorridito e l'altro che alza gli occhi lacrimosi al volto di Gesu'. All'altare della Madonna del Rosario: "Madonna col Bambino, S. Domenico e Santa Teresa; L'eterno Padre e angeli musicanti, tela di Carlo Ceresa ? (1609-1679). All'altare di S. Carlo: "San Carlo Borromeo, San Francesco, La madonna ed altri Santi" di Giovanni Carrobio di Nembro (1691-1752).


Chiesa Parrocchiale (Ricostruita in stile barocco sulla Chiesa preesistente)
Al rifacimentodella Chiesa Parrocchiale si lavoro' dai primi decenni del 1700 al 1793, anno in cui fu costruito l'organo, le cantorie ed il pulpito. Ci furono numerose interruzioni per divergenze tra i fabbriceri ma sopratutto per mancanza di mezzi. Si costruì dapprima la seconda sagrestia ed il coro, finiti nel 1737, come risulta da due deliberazioni dell'Amministrazione Comunale in data 19 marzo e 25 aprile di quello anno, tra queste due date venne stipulato il contratto col Caniana per la costruzione degli stalli del coro.

Dopo alterne vicende finalmente nel 1746, avendo ricevuto un vistoso lascito di 4.000 scudi oltre alla somma gia' raccolta, si da inizio ai lavori per l'esecuzione del progetto dell'architetto G. Battista Caniana, che nel 1747 consegna al Prevosto i progetti. L'esecuzione dell'opera viene affidata al capomastro Alessandro Piazzalunga. La facciata della Chiesa non ha corrispondenza con la struttura interna dell'edificio ma sta a sè come cosa puramente decorativa. Essa e' divisa in due zone, la piu' bassa termina con il cornicione che gira sui fianchi, quella alta e' piu' ristretta, termina a frontone ed e' raccordata a quella bassa con l'esene e con due grandi volute; nel centro della piu' piccola si apre un ampio finestrone. Davanti alla porta c'e' un protiro snello ed elegante, resto dell'antica Chiesa.
All'interno la pianta della Chiesa e' costruita da una sola navata centrale fiancheggiata d Cappelle (tre per lato) con eleganti lesene sormontate da capitelli corinzi sopra corre il cornicione aggrazziato e leggero che cinge la Chiesa e la trabeazione che da' slancio e leggerezza agli archi rialzati che sorreggono la volta. Effetti prospettici, giochi di luci e di ombre, il Caniana ottiene con le loggette che danno spazio e movimento alla Chiesa. Nel mezzo sta la cupola elissoidale, bella e slanciata; essa accentra tutte le parti dell'edificio e da a tutte ragione ed armonia. Gli splendidi affreschi: i quattro Evangelisti nei pennacchi ed in corrispondenza, sopra l'anello. le virtu' che occupano gli spazi tra le finestre servono a dare slancio alla cupola nel cielo della quale risplende la gloria di Maria.
Le opere di muratura della seconda sagrestia e del coro furono finite verso il 1719 e subito fu collocata al centro del coro la Pala dell'Annunciazione, di autore ignoto, molto probabilmente dipinta tra la fine del settecento e i primi dell'ottocento. Gli affreschi e gli stucchi vennero eseguiti molto piu' tardi, nel 1750; i primi sono opera di Gian Battista Rodriguez mentre gli stucchi sono di Eugenio Camuzio, i nostri antenati sono stati molto precisi ad annotare i pagamenti fatti al pittore (£165 per l'affresco sopra la porta della Chiesa, £ 261 per i quattro del coro e del presbiterio, £ 577 per gli affreschi dei pennacchi, dei medaglioni e del tondo centrale della cupola). Nella Chiesa gli affreschi sono così distribuiti: in fondo alla Chiesa, sopra la porta, la Fuga in Egitto; nel coro, l'adorazione dei Pastori e l'adorazione dei Magi, ai due lati della Pala dell'Annunciazione, ; sul presbiterio l'Educazione di Maria e la presentazione di Gesu' al Tempio.
Gli altari sono sette, l'altar maggiore e sei altari laterali. All'ingresso della Chiesa, a destra di chi entra, abbiamo l'altare di S. Orsola sul quale si trova la splendida tela del martirio di S. Orsola e delle Compagne; opera di ignoto autore datato 1477. Di fronte sta l'altare della Santa Croce; tela e' del pittore bresciano Francesco Paglia. Rappresenta la Santa Croce adorata da Angeli, splendide sono le decorazioni delle sue cappelle. I due altari dell'Immacolata Concezione e della Madonna del Rosario, al centro della Chiesa, furono costruiti tra il 1761 ed il 1763. A questi altari attesero alcuni tra i migliori artisti che lavorarono in quel tempo nella Bergamasca, basti citare Muzio Camuzio di Lugano. Le tele ovali raffiguranti i misteri del Rosario chiuse in eleganti cornici e disposte sui fianchi della cappella sono di Francesco Cappella. La tela centrale, rappresentante l'Immacolata e S. Felice Martire, e' attribuita a Pietro Gualdo detto Oldrini. Ai due lati dell'altare erano, prima del restauro della Chiesa, due statue di Donato Andrea Fantoni raffiguranti la Purità e l'Umiltà. Gli ultimi due altari , quello del Redentore risorto e quello detto dei morti che gli sta di fronte, sono molto piu' antichi. Nel rifacimento della Chiesa, l'altare del Redentore, in legno, con statue e' stato costruito dai Caniana di Alzano, la pala del Redentore, che faceva parte di un polittico di Palma il Vecchio, e' stata smembrata dal suo polittico, chiusa in una cornice barocca e posta sull'altare. Piu' rispettato e' stato l'altare di S. Nicola che gli sta di fronte a che da allora e' diventato l'altare dei Morti. Sono state collocate sulla cimasa dell'altare due belle statue: del Tempo e dell'Eternità e piu' in alto un Angelo che suona la tromba, scolpite da Donato Andrea Fantoni. La tela di Palma il Giovane (1544-1628) rappresentante la Madonna in alto ed in basso San Paolo e San Nicola da Tolentino sta al centro dell'altare. Chi ama l'arte non si allontani dalla Chiesa prima d'aver visitato la sagrestia che si trova dietro l'apside. Qui trovera' una piccola ed interessante pinacoteca.


Porticato di S. Bernardino da Siena (Oratorio dei Disciplini)
Chi guarda dal segrato il porticato di S. Bernardino avverte subito che gli archi non sono tutti uguali; il primo e i due ultimi sono piu' grandi del secondo e del terzo, i quali corrispondono alla parte piu' antica del fabbricato. Era questa la Chiesa piu' antica di Serina, dedicata all'Annunciazione di Maria. A questo Oratorio di S. Bernardino vennero aggiunte in tempi diversi due porzioni di fabbricato: sul lato verso occidente le stanze per il cappellano della misericordia,  ed a mattino la casa del Parroco verso il 1558, i due fabbricati si estesero poi sopra la primitiva Chiesa che si ridusse ad un semplice Oratorio, detto poi di S. Bernardino.
Sotto il portico, nella parete esterna dell'Oratorio, sono visibili degli affreschi di due epoche diverse: una "Pietà" che ora si trova nella sala Consigliare del Comune; un'Annunciazione, S. Alessandro e S. Bernardino. Questi affreschi risalgono alla fine del '500 e comunque certamente dopo il 1450 anno in cui avvenne la canonizzazione di S. Bernardino da Siena.


Casa Quattrocentesca
(in contrada "Mezzacà", ora via Cardinal Cavagnis al civico n° 11)
Questa casa e' stata in parte modificata nei secoli successivi come si puo' vedere sul lato verso la via Cavagnis dove sono state chiuse le grandi arcate del portico sul piano strada, mentre ai piani superiori sono state conservate le finestre; con contorno in pietra, piccole, alcune, con architrave ed altre ad arco con inferrate esterne. Nella stessa via adiacente alla strada pedonale che porta al Corone, c'e' una fontana veneta del 1645.


Antica Sede del Vicariato Veneto
La sede del Vicariato Veneto corrispondeva a tutto il caseggiato compreso tra Piazza Mons. Flaminio Belotti e via Castello, ora diviso in diverse proprietà prospicenti su via V. Emanuele II°. La sede del Vicariato comprendeva, oltre agli uffici, l'abitazione del Vicario con la sua famiglia e le famiglie dei funzionari che lo seguivano, Cancelliere, notai, servitori, banditore, ecc.
Come si e' potuto osservare durante alcune sistemazioni interne, a piano terreno della porzione di fabbricato c'era una vasta sala per le udienze e nella parte alta della parete erano dipinti gli stemmi e i nomi dei diversi Vicari che si sono succeduti. Sulla casa al civico n° 22 e' dipinto in alto il Leone di S. Marco e sotto lo stemma della Val Brembana Superiore di cui Serina era capoluogo. Lo stemma in pietra sopra la porta della casa al civico n° 20 e' quello di un Vicario. La fontana di fronte e' del 1581; ha lesene decorate da cartelle a stemma racchiudenti un ramo d'olivo col motto "sognum pacis" e reggenti un'architrave terminale sulla quale e' scolpito il nome del Vicario del tempo, al centro sta una testa di leone che getta l'acqua circondata da rosoni.

Chiesa di S. Margherita (in contrada Castello)
E' la piu' antica Chiesa di Serina. La sua fondazione risale al 1335 compiuta da Zambon Carrara, che costruì la Chiesa e fondo' la Capellania. L'attuale chiesa, di stile barocco, e' un rifacimento dell'antica compiuto nel 1740. La Chiesa e' a croce latina; i due altari laterali vennero tolti al tempo della visita di S. Carlo Borromeo nel 1575, solo nei primi anni di questo secolo, quando venne acquistata la statua della Madonna in Val Gardena, fu ricostruito l'altare a sinistra entrando, con la nicchia per collocarvi la statua della Madonna. Degli antichi affreschi che ornavano un tempo l'altare maggiore e' rimasto soltanto l'immagine di Maria. Le due statue poste sulla facciata della chiesa rappresentano Santa Margherita e Sant'Agata.



Chiesa di S. Antonio
(in contrada Carrera, fondata nel 1403)
Veramente la Chiesa e' dedicata a s. Antonio di Padova e a S. Tommaso d'Aquino poichè i fratelli Alberto e Gherardo si impegnarono a costruire la chiesa entro tre anni. Detti fratelli Alberto e Gherardo Carrara Accorsini erano persone colte, appartenevano alla famiglia del beato Gherardo Carrara professore di teologia alla Sorbona di Parigi poi Vescovo di Savona dal 1332 al 1356, morto a Bergamo ed ivi sepolto in Sant'Agostino dove i Carrara Accorsini avevano il sepolcro di famiglia.Questa chiesina a pianta rettangolare con abside quadrata.
L'altar maggiore e' di legno, su di esso si trova un ancora pure in legno, che racchiude al centro una tela raffigurante la Madonna con il Bambino, Sant'Antonio di Padova, Sant'Antonio Abate e San Tommaso d'Aquino. Questa tela e' copia dell'originale del Palma ? Fatta dall'Orelli; l'originale, purtroppo, e' stato venduto. Ai lati del dipinto due statue di legno di Santi Anacoreti. Il paliotto dell'altare riproduce ancora la Madonna, Sant'Antonio Abate, Sant'Antonio di Padova e San Tommaso d'Aquino; anche il paliotto e' forse dell'Orelli. Sulle pareti della Chiesa poi ci sono quattro bei quadri del settecento di unica mano, l'autore e' ignoto. Essi rappresentano donne dell'antico Testamento: il primo quadro, a destra di chi entra, raffigura Dalila, Gioele che pianta un chiodo nella testa di Assuero e piu' vicino all'altare Agar che va nel deserto assistita da un angelo.