Home Page di Costa SerinaFrazioni di Costa SerinaCenni Storici di Costa SerinaManifestazioni e Eventi a Costa SerinaNumeri Utili di Costa Serina
Carattere medio Carattere grande


 
Le fotografie in alta risoluzione di Costa Serina Le Fotografie di Costa Serina
Archivio Fotografico di Costa Serina
News Costa Serina Le News di Costa Serina
articoli e news di Costa Serina dai giornali locali
Itinerari trekking escursioni a Costa Serina Trekking escursioni a Costa Serina
Reportages montagna, tragitti, itinerari, escursioni sui sentieri di Costa Serina
La Valle Serina La Valle Serina
offre un ben strano biglietto da visita al suo Visitatore un "orrido" come si usa dire in queste conformazioni ambientali: pareti rocciose e buie stilanti di acque che nei mesi freddi danno origine a lucenti stallattiti iridescenti ai raggi del sole, strapiombanti nel terreno che scorre a volte chiaccherino a volte turbolento giu' nel fondo Valle...
Libri su Costa Serina Bibliografia Costa Serina
Bibliografia realizzata dal Centro Studi Francesco Cleri e dal Centro Storico Culturale Valle Brembana
il centro di Trafficanti
Il paese dei Trafficanti e' pressapoco uguale a tanti paesi montani con aspetti positivi e negativi, ma guardandolo bene sul piano geografico-topografico urbanistico e religioso, lo troviamo con alcune particolarita' alquanto interessanti, le quali ad una prima vista superficiale sembrano apparire di poco conto, oppure sfuggono. L'altezza sul mare m. 868, ottimale per una villeggiatura montana adatta per tutti. Trafficanti e' ubicato sulla trada che collega la Val Seriana alla Valle Brembana, Serina con Sevino, due grossi centri turistici. Dato il percorso stradale pianeggiante, e' meta di passeggiate di villeggianti ed e' animato da un flusso turistico e commerciale che aumenta sempre piu' e trova in loco un punto accogliente di riposo e ristoro. La ripidezza del luogo e' una realta', il proverbio dice che a Trafficanti le galline sono ferrate ed hanno il sacchetto per le uova perche' non abbiano a rotolare fino ad Ambriola. Questo fatto diventa una caratteristica con dei pregi, perche' madre-natura ha messo sopra al paese una catena di monti: Succhello, Pizzo Forcellino, Forcella che lo protegge dai venti freddi; ha disteso la superficie del paese, tutto in faccia al sole che lo illumina e lo riscalda da mattina a sera, d'estate e d'inverno su un fondo roccioso ed asciutto articolato da strade nuove e mulattiere. Pertanto il clima e' mite e col sole e' subito caldo. La stessa vegetazione ne risente: il fieno e' piu' saporito e sostanzioso; la legna da' piu' calore. La gente vivendo e lavorando in questo ambiente e' di carattere forte e resistente e anche grintoso che si manifesta nelle occasioni della vita. Davanti si apre un'ampia valle trapuntata di paesi e campanili, l'occhio spazia e gode in un'orizzonte aperto e frastagliato dalle cime ineguali di monti piu' bassi e in distanza con tramonti fantasiosi.
Ha un grande passato storico, sita sulla prima multattiera della Valle Serina costruita al tempo dei Romani, detta "via mercatorum". Ora e' servita anche da una nuova arteria stradale che passa vicina, collegante al Valle Brembana e la Valle Seriana. Cosi' chiamata perche' la strada passando in mezzo alla contrada la divide, la taglia in due parti (sopra e sotto): da qui il nome Tagliata. Anticamente era un centro importante con amministrazione propria, con il cimitero in localita' Ponticello, la chiesa in localita' Coregn, la casa del sacerdote in centro. Di tutto ci sono segni evidenti oltre la voce della tradizione. E' segnata su tutte le mappe catastali come Censuario di Tagliata: vale a dire che faceva parte di uno e piu' Comuni Amministrativi, con un Distretto Censuario nel quale veniva nominata una commissione censuaria che esaminava ed approvava le qualita' e le classi dei terreni entro 30 giorni. In loco era aperta una fabbrica e fornace con relativa cava di terra argillosa per la cottura dei coppi e mattoni. La fornace era famosa in tutta la Valle Serina. Tuttora molti tetti hanno la copertura originaria e per la bonta' del prodotto i coppi vecchi sono molto ricercati. La famiglia Bianchi, detta Pui', era proprietaria di questa piccola industria. Lavorava in proprio, con operai fissi e avventizi del posto. Essa ha costruito nel 1890 circa sulla sua proprieta', nel centro dell'abitato. una cappella dedicata alla Madonna Addolorata.
Contrada del Comune di Costa Serina, fa' parte della parrocchia di San Lorenzo ed Ambrogio, circondata dai paesi di Ambriola, Ascensione, Costa Serina, Trafficanti, sita sulla storica "via Mercatorum", ubicata piu' precisamente sulla mulattiera comunale Trafficanti - Ascensione. Altezza 750 m slm, sotto il santuario della Madonna della Neve in localita' Forcella, in una posizione solatia. Ricche di fresche acque e prati , un tempo raggiunse anche 107 abitanti, con forno e osteria, poi incomincio' il declino e lo spopolamento totale. I suoi abitanti sono emigrati per lo piu' in Francia, alcuni anche in diversi paesi d'Italia. Ora NESPELLO e' anche detta la "Betania della Val Serina". Infatti vi abita una sola famiglia composta da tre persone residenti tutto l'anno. Oggi si assiste ad una graduale ristrutturazione della contrada da parte di villeggianti che vengono a trascorrere le ferie estive o qualche domenica. Nespello si puo' raggiungere con una bella stradina asfaltata e realizzata in tempi diversi. Nel 1986 si e' installato il primo apparecchio telefonico: si puo' finalmente dire che Nespello non e' piu' isolato dal mondo. Nel 1987 e' pure arrivato l'aquedotto.